Come usare il pannello di controllo di WordPress

Contenuti dell'articolo

La Dashboard di WordPress è il pannello di controllo, o pannello di amministrazione se preferite, del vostro sito web su piattaforma WordPress. Da qui i vari utenti possono modificare il sito e i suoi contenuti. La tipologia delle modifiche che gli utenti possono fare varia in base alle autorizzazioni che sono state concesse loro dall’amministratore del sito.

In questo articolo darò una panoramica del pannello di controllo di WordPress e delle funzioni a cui ci fa accedere.

Accedere al pannello di controllo WordPress

Per accedere al pannello di controllo, nella maggior parte delle installazioni basta aggiungere /wp-admin alla fine del proprio indirizzo web. Qualcosa del genere:

https://nomesito.it/wp-admin

Scrivendo questo indirizzo nella barra degli indirizzi del vostro browser verrete reindirizzati alla pagina di login del vostro sito. Da qui basta inserire le proprie credenziali per accedere.

Sempre su questa pagina potete fare richiesta per il recupero della password nel caso in cui l’abbiate dimenticata.

Pagina di login WordPress
La pagina di login di WordPress in tutto il suo splendore.

La bacheca

Vista base dashboard WordPress
La prima pagina che si vede appena fatto il login su WordPress è la bacheca.

Appena fatto il login la prima pagina che si vede è la bacheca. La bacheca contiene una serie di elementi che possono essere posizionati a piacimento. Questi possono variare a seconda dei plugin installati e della configurazione del sito web ma solitamente servono a dare un’idea dello stato del sito, mostrando lo stato di salute (site health), il numero di articoli e di pagine, il tema installato ed altre informazioni generiche.

L’interfaccia e i menù

Il pannello di controllo di WordPress è caratterizzato sostanzialmente da 3 aree:

Aree dell'interfaccia del pannello di controllo WordPress
  • Una barra degli strumenti posizionata in alto (in giallo nell’immagine sopra)
  • Una barra laterale con una serie di menù posizionata a sinistra (in rosso)
  • Un’area di lavoro centrale in cui vengono mostrate informazioni diverse in base alla zona del pannello di controllo in cui ci troviamo

La barra degli strumenti

Una volta che avremo fatto il login vedremo la barra degli strumenti sia nel backend del sito (il pannello di controllo), sia nel frontend (il sito vero e proprio che è visibile a tutti). I pulsanti presenti sulla barra degli strumenti ci consentono di svolgere azioni veloci che cambiano in base alla pagina in cui ci troviamo. Se siamo ad esempio su un articolo del blog avremo un pulsante che ci consentirà di modificare il contenuto dell’articolo o crearne uno nuovo.

Barra degli strumenti sul backendBarra degli strumenti sul frontend
Come cambia la barra degli strumenti dal backend al frontend.

Il menu della barra laterale

La barra laterale è invece visibile solitamente nel pannello di controllo del sito e contiene tutte le varie opzioni di WordPress.

È bene notare che non tutte le voci saranno visibili a tutti gli utenti.
L’amministratore del sito web – che è l’unico a vedere tutto quanto – assegnerà dei permessi ai diversi tipi di utenti consentendogli di modificare aree del sito differenti in base al ruolo. Nulla vieta ad esempio di far creare e sviluppare il sito ad un professionista (che avrà quindi il ruolo di amministratore), ma di caricare i contenuti e scrivere articoli in autonomia (come autore o editor), magari facendosi affiancare da un esperto di SEO e marketing per la promozione del sito. Ognuno di questi ruoli all’interno del sito si occuperà di cose diverse ed avrà quindi a disposizione pannelli diversi.

Le voci nella barra laterale inoltre variano a seconda dei plugin e delle funzioni aggiuntive sviluppate per il sito. Qui di seguito una descrizione generale delle varie voci (arriveranno a breve altri articoli per spiegarle singolarmente).

Pannelli visibili ad autori e editori:

  • Dashboard: Come già detto la dashboard contiene informazioni generali sul sito. Ha due sotto-voci, la “home” che è la pagina che si vede ogni volta che si accede al pannello di controllo e la pagina “aggiornamenti” in cui è possibile aggiornare WordPress, i plugin e i temi installati.
  • Articoli – Media – Pagine – Commenti: Sono le voci relative al contenuto del sito. Quelle più importanti per mantenere il sito aggiornato e scalare posizioni su google e gli altri motori di ricerca. Di base WordPress ha tre tipi di contenuti: articoli, pagine e media (immagini e video), ma si possono creare dei contenuti personalizzati (Custom Post Types o CPT) per caricare contenuti più specifici come prodotti per un ecommerce, casi studio per un portfolio, pagine dei servizi per i professionisti, libri per una biblioteca, ecc. ecc.
    Ogni tipo di contenuto ha delle sotto-voci per visualizzare i singoli articoli/pagine/media, crearne di nuovi o gestire categorie e tag.
  • Utente: Consente di modificare il proprio profilo utente.

Pannelli visibili solo agli admin:

  • Aspetto: La sezione aspetto è quella in cui si possono caricare e modificare i temi e tutto quello che riguarda la parte estetica del sito, oltre che creare dei menu per il sito.
  • Plugin: Pannello che consente la gestione dei plugin e quindi la loro attivazione/disattivazione, aggiornamento e configurazione.
    I singoli pannelli dei plugin (nell’immagine sopra vedete ad esempio quelli di “Elementor” e “Yoast SEO”) possono essere accessibili anche agli utenti di livello più basso in base alle esigenze. Yoast SEO ad esempio è accessibile anche agli autori degli articoli, ma solo all’interno degli articoli scritti da loro.
  • Utenti: Consente la creazione di nuovi utenti.
  • Strumenti – Impostazioni: Le ultime due voci consentono di gestire una serie di impostazioni per il sito.

Come personalizzare il pannello di controllo

WordPress consente una serie di personalizzazioni che il singolo utente può apportare per modificare la sua esperienza con il Pannello di Controllo.

La pagina iniziale della bacheca si può personalizzare trascinando e rilasciando i vari pannelli. In altro a destra inoltre c’è un menù a tendina chiamato “Impostazioni schermata” da cui si possono nascondere i pannelli che non si utilizzano.

Altre opzioni sono presenti nel pannello “Utente” alla voce “Profilo”. Qui sarà possibile modificare lo schema colori della bacheca e nascondere la barra degli strumenti dal frontend del sito in modo da poter vedere il sito esattamente come lo vedono gli utenti esterni senza dover effettuare il logout.

Altri articoli e guide su WordPress

Ho scritto – e continuerò ad aggiungerne! – delle guide su WordPress, dagli un’occhiata dai link qui sotto (in continuo aggiornamento).

Autore:

Francesco D'Agostino
Francesco D'Agostino
Digital Designer di Torino. Realizzo interfacce e grafiche per siti web. Amo la tecnologia, i fumetti e la sintesi.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su pocket
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *