Sempre in movimento – Logo Animation e perché farla

Ormai è sempre più frequente vedere loghi animati in giro su internet, social media, youtube. L’animazione del logo, che era prassi solo in certi settori (pensiamo al logo animato della Pixar, o alle infinite variazioni del logo di MTV), è diventata pratica diffusa per tutti i brand che vogliono avere una presenza sul web. In questo breve articolo vedremo perché l’animazione dei loghi sta diventando un trend e quali sono i differenti ambiti in cui si usa.

Perché si usa un logo animato?

Gif logo google
Il logo di Google realizzato nel 2015 e declinato nelle sue varie versioni e icone animate.

Catturare l’attenzione con un immagine originale

Come già detto l’uso dell’animazione applicata ai loghi è nato con il cinema e con la TV, ma si è diffuso in altri settori solo con la diffusione delle tecnologie digitali e in particolare quando le tecniche di animazione hanno iniziato a diffondersi sul web e sulle app che sono passate dall’utilizzare delle pagine statiche (simili nella grafica e nella struttura alle pagine di un libro) a delle interfacce animate e interattive (più simili alle schermate di un videogioco).

Inserire elementi animati sul proprio sito web o sul proprio profilo social contribuisce inoltre ad attirare l’attenzione degli utenti che in media spendono pochissimi secondi per ogni post. In questo pochissimo tempo un breve video riesce a veicolare più informazioni rispetto a un’immagine statica (non parliamo dei testi per carità che non li legge nessuno). Se progettato bene infatti un logo animato può comunicare qualcosa in più sul brand che promuove.

Nel caso di questo logo che ho progettato per un dentista il sorriso presente nel monogramma può essere evidenziato facilmente sul video, mentre è presente ma in modo più sottile sul logo statico.

Storytelling ed effetto sorpresa

Un logo animato può quindi comunicare di più ed in maniera più diretta rispetto allo stesso logo in versione statica.
Un buon animatore in pochi secondi riuscirà a trasmettere che cosa fa un’azienda – e come lo fa – senza ricorrere ad una riga di testo. Un’animazione infatti rimane solitamente impressa più a lungo e in maniera più profonda rispetto ad un’immagine statica o un testo. Anche perché nel video è più facile inserire elementi a sorpresa che aiutino a riconoscere e ricordare il brand.
Inoltre il logo animato può essere inserito in una serie di contenuti video più ampi che contribuiscano a generare quella che viene definita in gergo “Brand Awereness” (in sostanza e in italiano: far conoscere la propria marca).

Dove si usano i loghi animati

Social network e siti web

I social network sono ormai tra la principali piattaforme pubblicitarie per la promozione di aziende, prodotti e servizi. Come già visto produrre contenuti video e animazioni (tra cui anche il logo animato) contribuisce a far spiccare i propri contenuti nello scroll infinito dei contenuti presenti sui canali social.

Lo stesso ragionamento vale per i siti web in cui i contenuti animati contribuiscono a creare un’esperienza utente unica e diversa dai concorrenti.

Presentazioni e video promozionali

Su un livello più specifico si collocano invece la creazione di presentazioni e video promozionali. Anche qui la logo animation può contribuire a lasciare al pubblico di una presentazione o ai destinatari di un video promozionale – quindi ad un target già più definito e selezionato – un elemento facilmente ricordabile e che verrà associato ai contenuti della presentazione o della pubblicità.

Che caratteristiche deve avere una logo animation

Un logo animato può quindi essere un buon attrezzo dell’arsenale di marketing digitale di un’azienda, può aiutare a migliorare la riconoscibilità e la memorabilità di un marchio, aiuta a creare una storia per il brand e a diffonderne un’immagine originale.

Per progettare un logo animato consiglio di focalizzarsi su questi concetti fondamentali:

  • Un logo animato avrà una sua “personalità”, è utile pensare prima di realizzarlo al tono che gli si vuole dare, sarà scherzoso e cartoonesco, serioso e geometrico o forse lussuoso ed elegante?
  • È sempre bene fare un po’ di ricerca con i propri clienti, fornitori, dipendenti (quelli che vengono definiti stakeholder di solito) per capire le loro preferenze.
  • Come si diceva un logo animato ben riuscito è quello che inserisce un elemento a sorpresa, qualcosa di inaspettato che contribuisca a far ricordare l’azienda più facilmente.
  • Una logo animation deve essere anche breve, meglio se sotto i 10 secondi.

Bonus: un’ora di loghi MTV animati per i nonostalgici degli anni ’90-00 come me

Autore:

Francesco D'Agostino
Francesco D'Agostino
Digital Designer di Torino. Realizzo interfacce e grafiche per siti web. Amo la tecnologia, i fumetti e la sintesi.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su pocket
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *